Background Image

apm testata

Era Venerdì...

 

21 febbraio 2020

 

Era venerdì, me lo ricordo bene. Perché nel tardo pomeriggio avremmo dovuto incontrarci per una riunione del consiglio direttivo di APM, potendo fare tardi: una piacevole occasione anche per rivedersi dopo qualche settimana.

In mattinata, un mio collega che lavorava ad Assago, veniva chiamato per tornare subito a casa perché un suo concittadino era stato ricoverato all'ospedale di Codogno come primo paziente Covid e quindi tutti gli abitanti di Codogno erano stati richiamati immediatamente per rientrare alle proprie abitazioni. La cosa era sicuramente molto insolita e aveva lasciato tutti quanti increduli. Ma pensavo, come anche tutti gli altri: “è solo a Codogno, noi siamo a Milano”.

Mi ricordo anche che, quando uscii dall'ufficio per andare a piedi verso la sede di APM, tutto sommato ero ancora abbastanza tranquillo. Poi invece al termine della riunione, ricevetti un messaggio dal mio responsabile, che mi diceva: “Da lunedì noi consulenti presso il cliente, lavoriamo da casa”. Ecco, dopo aver letto quel messaggio, ho avuto paura: è stato il primo momento in cui ho capito che la cosa era davvero grave, se noi consulenti eravamo i primi a essere lasciati a casa, immediatamente dal primo giorno dopo il weekend. Il cliente aveva già paura di noi.

Era venerdì, ed era il 21 febbraio. Oggi è di nuovo venerdì, ed è il 19 febbraio. È passato un anno intero: da quel giorno non ho più messo piede in ufficio. È un anno esatto che lavoro da casa, che i miei colleghi li vedo solo su Skype, o li sento al telefono. E sicuramente andrò avanti così ancora per diversi mesi, fino a quando non saremo stati tutti vaccinati. È stato un anno infinitamente lungo, e per certi versi, lo è tuttora. Io in generale sto bene di salute, non ho la malattia di Parkinson, ma ho sperimentato a luglio dell’anno scorso in prima persona cosa vuol dire stare qualche giorno in ospedale, da solo.

Per fortuna l’inverno sta passando, le giornate sono già decisamente più lunghe e luminose: un piccolo preludio alla primavera, insieme alla speranza che la vaccinazione ponga finalmente termine a questa pandemia, che tutto torni quasi come prima, e che tutti questi mesi diventino solo un brutto ricordo.

Carlo Spertini

 

 

Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione sul nostro sito. Proseguendo, dai la tua approvazione, o visualizza i dettagli, cliccando sul pulsante "Maggiori informazioni".