Background Image

Placebo

Si racconta che …

Il gruppo di ricerca del neuroscienziato italiano Fabrizio Benedetti, dell'Università di Torino, ha scoperto che è possibile condizionare i neuroni dei pazienti affetti dal morbo di Parkinson in modo tale che rispondano alla terapia con placebo invece che al farmaco vero e proprio.

Alcuni neuroni del talamo rispondono alla somministrazione di un placebo modificando il livello della loro attività elettrica.

Il risultato netto è un aumento di dopamina e un miglioramento dei sintomi neurologici.

Alternando un farmaco vero e proprio al placebo si può insegnare ai neuroni refrattari a rispondere al placebo e, dunque, potenziare l'effetto del farmaco a parità di dose.

Lo studio è importante perché potrebbe portare a nuovi protocolli terapeutici in cui si riduce la dose dei farmaci pur mantenendo inalterati gli effetti clinici.

[ fonte ]

 

< torna alle Chiacchiere

 

Tags: Placebo

Stampa Email

Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione sul nostro sito. Proseguendo, dai la tua approvazione, o visualizza i dettagli, cliccando sul pulsante "Maggiori informazioni".