Background Image

Trapianto fecale

Si è sperimentato che ...

il trapianto fecale (somministrazione di un clistere in cui vengono disciolte le feci di un familiare sano allo scopo di restaurare la normale flora batterica dell'intestino) migliora i sintomi del Parkinson. Lo ha sperimentato in Australia un gastroenterologo, il dr Borody del centro di malattie digestive di Sidney.

Questa modalità terapeutica - molto "originale"- sembrerebbe essere utile per trattare molte malattie autoimmunitarie, compreso il Parkinson.

L'idea che il Parkinson possa essere causato da un'alterazione della flora batterica risale a gli studi di un neuropatologo Heiko Braak alla università di Ulm in Germania.

Questi due autori nel 2003 hanno dimostrato che il danno del sistema nervoso nel Parkinson progredisce, risalendo dal nervo vago alla parte inferiore del tronco cerebrale, per arrivare alle regioni più alte del cervello sino alla corteccia cerebrale.

[ fonte ]

 

< torna alle Chiacchiere

 

 

Tags: Trapianto fecale

Stampa Email

Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione sul nostro sito. Proseguendo, dai la tua approvazione, o visualizza i dettagli, cliccando sul pulsante "Maggiori informazioni".