Background Image

Giocatore d’azzardo

E’ stato rilevato che …

l’8% dei pazienti con Parkinson si trasforma in un giocatore d’azzardo, un vero e proprio scommettitore compulsivo.

Lo rileva uno studio condotto dai ricercatori coordinati da Alberto Priori dell’Università degli Studi di Milano, insieme agli scienziati del Policlinico di Milano, dell’Istituto Neurologico Besta e dell’Istituto Neurologico Mondino di Pavia.

Gli scienziati hanno scoperto che il nucleo subtalamico reagisce in modo diverso in chi soffre anche di gioco d’azzardo compulsivo; questa porzione del cervello è iperattiva durante gli ”stimoli conflittuali”, come appunto le decisioni che portano a un rischio o a una forte perdita economica.

Si tratta di una disfunzione che innalza la soglia alla quale si percepisce il rischio.

Questo disturbo del comportamento può complicare la malattia di Parkinson, e può avere conseguenze disastrose per l’individuo, la sua famiglia e la società, alimentando anche i comportamenti illeciti ad esso connessi come furti o rapine.

[ fonte ]

 

< torna alle Chiacchiere

 

 

Tags: Giocatore d’azzardo

Stampa Email

Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione sul nostro sito. Proseguendo, dai la tua approvazione, o visualizza i dettagli, cliccando sul pulsante "Maggiori informazioni".