Background Image

apm testata

Milano City Marathon

Milano City Marathon e Pronto Parkinson

 

MilanoCityMarathon

 

 

Per raccogliere fondi APM Parkinson Lombardia ha deciso di partecipare alla Milano City Marathon del 2012, in qualità di Charity Partner.

L'obiettivo prefissato è stato quello di raccogliere fondi per la realizzazione del progetto PRONTO PARKINSON: uno sportello telefonico dove un neurologo risponde dando indicazioni per risolvere i piccoli problemi e dubbi che, quotidianamente, inquietano i malati parkinsoniani.

Il servizio (attivo dal 1° ottobre 2012) risponde al numero 333 439 66 82 ogni mercoledì dalle ore 13.00 alle 15.00.

 

 

Il 1 aprile abbiamo incontrato i maratoneti che si sono offerti di correre per APM Parkinson Lombardia onlus indossando la

nostra maglia e il nostro pettorale.

 

preMCM1 preMCM2

 

Il 15 aprile la gara.

 

tutti

 

03i

 

Un'iniziativa meritoria che vuole attivare una più vasta conoscenza dei problemi della malattia di Parkinson e istituire uno sportello telefonico Pronto Parkinson per facilitare i soci

 

Per raccogliere fondi APM Parkinson Lombardia ha deciso di partecipare alla Maratona in qualità di Charity Partner, l'obiettivo prefissato è stato quello di raccogliere fondi per la realizzazione del progetto PRONTO PARKINSON: uno sportello telefonico dove un neurologo risponde dando indicazioni per risolvere i piccoli problemi e dubbi che, quotidianamente, inquietano i malati parkinsoniani.

 

Lunedì 7 maggio 2012 si è svolta a Milano la premiazione dei concorrenti alla Milano City Marathon, fra tutti i partecipanti che hanno corso per il gruppo Charity Partner. “Rete del dono” e il “Charity Program” della Milano City Marathon hanno raccolto oltre 100.000 Euro a favore delle associazioni del cuore scelte dai runner.

Tanti premi, grande festa ed allegria alla manifestazione ed appuntamento per domenica 7 aprile del prossimo anno per un’ulteriore sfida.

Francesca e Luisa hanno partecipato all’incontro in rappresentanza di APM Parkinson Lombardia.

 

premiazione

 

premiazione2

Natale 2011

Natale2011

Brainforum 2011

Il 4 e 5 aprile 2011 si terrà a Milano il convegno Brainforum 2011 sul cervello.

Leggi tutto

I giorni del volontariato 2011

Nei giorni 5 e 6 novembre 2011 si è tenuta a Milano, presso il Palazzo delle Stelline in Corso Magenta, la seconda “Mostra presentazione” delle Associazioni di volontariato milanese.

Leggi tutto

3 giornata Parkinson

In occasione della Terza Giornata Nazionale della Malattia di Parkinson – che si è tenuta il 26 novembre 2011 – medici-specialisti sono stati a disposizione dei pazienti presso le Strutture ospedaliere di tutta Italia che hanno aderito all’iniziativa

Leggi tutto

Pieno successo al Convegno APM del 16 aprile

Convegno APM del 16 aprile

 

Convegno2011

Il 16 aprile 2011 si è tenuta, presso l’Audutorium Recordati a Milano, la tavola rotonda sul tema: Parkinson: una la malattia, molteplici le terapie. Numerosi i partecipanti, soci, famigliari e studiosi.

 

Nell’incontro, gratuito e aperto a tutti, i temi scientifici sono stati affrontati con un linguaggio piano e accessibile. Quest’evento si inscrive nelle attività che l’Associazione svolge con continuità a favore dei propri iscritti e di tutti gli interessati direttamente o indirettamente alla malattia

 

La malattia di Parkinson costringe pazienti e familiari a convivere con gli effetti invalidanti di una malattia cronica che toglie progressivamente autonomia a chi ne è colpito.

 

Temi dell’incontro sono le cosiddette terapie complementari e la cura multidisciplinare, approcci che stanno manifestando grande interesse nella cura del Parkinson. Infatti da tempo si è evidenziata la necessità di integrare l’utilizzo del farmaco con la terapia fisica.

 

Com’è noto, questa malattia non ha ancora una cura risolutiva. La terapia fondamentale per alleviarne i sintomi è pur sempre quella farmacologica, che si attua con la somministrazione della levodopa. A questa si affianca spesso la fisioterapia, terapia irrinunciabile per i pazienti di Parkinson.

 

Le novità in questo settore riguardano le cosiddette terapie complementari, come la biodanza, il metodo Pilates, la musicoterapia. Mentre le cure farmacologiche e la fisioterapia sono individuali, queste sono spesso pratiche di gruppo, che favoriscono la socializzazione. Questo è utile anche dal punto di vista psicologico: perché spesso il parkinsoniano tende ad isolarsi, per nascondere il suo stato; incontrarsi con chi condivide la sua condizione lo aiuta ad affrontarla meglio.

 

Queste terapie non farmacologiche contribuiscono a mantenere la plasticità neuronale. Il trattamento non farmacologico riduce i disturbi comportamentali ed aumenta le performance nelle attività funzionali.

 

L’altro argomento che verrà trattato è la cura multidisciplinare, attuata attraverso le così dette professionalità alleate. La levodopa è un farmaco, fondamentale per la cura, ma a lungo andare può avere effetti collaterali piuttosto pesanti, che per alcuni pazienti si traducono in discinesie, ipotensione ortostatica, stipsi, depressione, difficoltà di parola e, anche difficoltà di minzione. Per curare a tutto tondo un parkinsoniano, pertanto, alla figura centrale del neurologo dovrebbero allearsi più professionalità mediche, fra le quali il cardiologo, il dietologo, il logopedista, lo psicologo e l’urologo.

 

Il fine della cura multidisciplinare, come quello delle terapie complementari, è quello di migliorare le condizioni di vita del paziente e dei suoi familiari; esattamente come fa la terapia farmacologica che, ricordiamolo, ad oggi non è ancora in grado di intervenire sulla malattia, ma solo sui suoi sintomi.

 

Photogallery dell'evento

       
       
   

 

[ scarica l'invito ]

[ scarica l'articolo ]

Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione sul nostro sito. Proseguendo, dai la tua approvazione, o visualizza i dettagli, cliccando sul pulsante "Maggiori informazioni".